Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: vento

E se proprio devo

E se proprio devo

mettermi la maschera,

scelgo la farfalla –

così apparentemente libera

dal giogo del volere,

così apparentemente portata

dal vento che la posa.

Annunci

Il vento gira intorno

Il vento gira intorno

senza avvicinarsi

al balcone – il vento

 

vaporizza la pioggia e scuote

spettacolarmente

i rami del cedro.

O crudele

O crudele

poesia contemporanea

che non menzioni più

gli uccellini,

gli alberi,

il venticello, il cielo, il Sole…

 

Eddài,

prova-

tici ancora,

a infi-

larceli,

fra un anacoluto e l’altro,

L’allarme

Vento che soffia e, in sottofondo, cani

che abbaiano, gabbiani che berciano, voci umane (poche);

 

niente emissioni sonore da qual-

sivoglia device – solo, d’innaturale, al-

 

l’improvviso, esso!… Esso chi? – Ma

l’allarme!… Esso pure, come no, qui

 

al mare, fra pini, ulivi, orti

e strade sterrate con l’erba alta in mezzo.

Ricchi e poveri si distribuiscono

Ricchi e poveri si distribuiscono

in tutti i segmenti sociali, perfino

fra i capitalisti e i proletari. Il vento

ha pettinato la lavanda stenta.

Stringendo, ora c’è un campo

di battaglia prima della battaglia,

puzzolente di tracce senza filiera.

Mi basterebbe pentirmi e tornare

Mi basterebbe pentirmi e tornare

sui miei passi, per vomitare, sempre

a piccoli fiotti, una quantità

di familiari fregnacce.

 

Ah, che tentazione tirare in ballo

le rose a febbraio o cucinare

una pasta alle quattro di notte,

dopo che il vento è calato.

Il soccorso del buio

Il soccorso del buio

è consistito nella sospensione

del work in progress, dettagli

riservati agli abbonati

che “cacciano”, limite

dell’estensione. La stagione

dice “inverno” ma oggi

c’era vento di primavera.

Parlare

Si parla a destinatari diversi (il vento, il prossimo, sè stessi, l’amico, la testa, il cuore), in modi diversi (pianamente, sussurrando, senza tregua, declamando, sillogizzando), coi tempi giusti o sbagliati.

Orientalismo

Trentun dicembre,

il vento frange il ghiaccio –

è qui la festa?

Il cielo è bigio e senza vento

Il cielo è bigio e senza vento,

3 gatti su 5, almeno,

stanno dormendo (sono

le tredici e ventidue), solo

la radio muove l’aria

e io, in mezzo, incrocio

questa e quella

linea di fuga.