Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: tema

M.

Mi devo un pezzo sulla m. – un tema

che voglio smettere

di toccare in limine –

uno scandalo, sì, ma gnoseologico

(perciò, nel titolo,

è puntata e senza articolo).

Annunci

Onestà vs Regole

Nel cortile politico italiano urge sostituire al tema dell’onestà quello delle regole. In Italia usa molto, infatti, giustificare l’abituale trasgressione di queste con riferimenti alti e impressionanti a quella.

Escandescenza

Fanculo le stagioni –

fanculo, cioè, l’eterno ritorno di tutto

(e quindi del tema).

 

Fanculo Dada, fanculo i puntelli, i pali, i piedi,

fanculo la sabbia fra i diti

e anche quella fra i denti.

 

Fanculo io e non-io –

fanculo, all’ingrosso, gli opposti.

[Estratto]

Non tratto di conigli e roditori

in genere, un po’, invece,

di felini – gatti, per dirla tutta

(tema, come ogni

tema, che è un punto

di vista e di fuga).

Mini romanzo. Un pensiero stupido #135

Ricordo bene che cosa pensai, era un pensiero stupido, oggi mi è chiaro, ma su quel pensiero costruii la mia disperazione, modulandola opportunamente in funzione del dentro e del fuori. [Pensai che, nell’istante in cui si sparò, ovvero troppo tardi, potesse aver cambiato idea… imbarazzante, no?… considerata, per esempio, la scena, cioè il cerchio di specchi intorno a sè, apprestata allo scopo…] Non so niente della morte, al massimo posso rilevare che è un tema obbligato – un’interpretazione, direi, sia filosofica che attoriale.

C’è questo angelo nero

C’è questo angelo nero,

da qualche parte, nelle parole

di un poeta, forse,

che tiene le ali conserte

e ti bacia i piedi, se appena

hai il coraggio di lasciarglielo

fare. La sua funzione sacrale

è staccarti da te, dall’immediato, e farti

distante al punto di non temere –

ma proprio, veh, per carenza di oggetto

o tema o campo da gioco.

Raccontare Leopardi

Guardo Il giovane favoloso e, mentre lo guardo, mi sembra evidente che se si vuole raccontare Leopardi, cioè, insieme, il poeta e la poesia, bisogna raccontarne lo strazio (fisico e metafisico), ma un tema così tragico, oggi, è improbo.

 

Il tema

Il tema, d’altronde, è sceverato

da una bibliografia fuori scala, vengono

in mente la catena montuosa

e/o il mare. È che tutto si tiene?

Oppure che il progetto è fallire? –

Nel caso, però, di un’insana acribia

o niente.

 

Un filtro algoritmico valuterà,

via via, le proposte

di sovrapposizione parziale

le richieste della “totale”

non sono previste.

 

…Ma si può sempre

incontrare un amico (mi son fatto

vicino…), agrimensore, magari,

e drippare insieme l’occhio

sul rammendo, la graffetta,

lo scotch, lo sputo.

Dal vuoto al settimo cielo

Dal vuoto al settimo cielo,

l’intorno è questo; fuori, gli opposti

coincidono e, per esempio, lo spettatore

e l’attore o il lettore e l’autore

sono indistinguibili.

 

Dal vuoto al settimo cielo, dunque.

Si può anche intendere

come un range di temi, in-

namoramenti, compulsioni.

In ogni caso, è il solito barile.

Più flutti

Diciamo che almeno per il prossimo minuto

non ho niente da temere – è un azzardo ma prudente.

 

Se non fosse che è un versamento – il che

chiude il discorso (certo, poi, ognuno si sceglie le sue metafore).

 

Posso mettere da parte il corpo, magari lì, sul divano,

a guardare la TV – e io allora sto al sodo.

 

È quello che faccio, dimenticandomi

del baule di premesse alle spalle.

 

Penultima serata del Festival di Sanremo 2016;

su La7, però, danno Django (con Franco Nero, cioè, nella parte).

 

La corrente che mi riporta al tema è forte, ma io

non voglio saperne, insisto per affogare, il mio motto è:

 

Più flutti!