Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: spazio

Spazi

Spazi diversamente accessibili,

ogni soggetto ha il problema

che il mondo non sia

uniformemente disponibile

(detto ai migranti, certo,

ma anche, e di più, ai potenti).

È emerso

È emerso, da un buio gonfio

di soluzioni, un crinale molto sottile

che sembra poter resistere

a un piede per volta.

 

Se la vista è leggermente meno

offuscata dall’offerta sincronica,

le aree corticali strategiche

cinguettano spazio.

È un teatrino

È un teatrino – come

un diario, uno spazio

 

in cui c”è qualcosa

che si muove, magari solo

 

per effetto del vento,

che almeno risalti

 

sulla texture.

Improvvisamente non c’è più spazio

Improvvisamente non c’è più spazio

e tutti i congiunti insieme, senza avvisare,

vengono in visita, il groviglio sincronico

delle partite aperte soffia e grava

sulla testa e non c’è margine

di compromesso – un nemico

solo, uno debole.

Quello che per diverse ragioni

Quello che per diverse ragioni

non si può citare, conteggiare, elencare,

un’omissione nello standard classico

del 5%, un’offerta brutale, come

ribaltare un tir di rose sull’amorosa.

L’esperienza del sub

L’esperienza del sub, che perde

la cognizione dello spazio e scambia

il sopra per il sotto – Cosa ne dici?,

ho domandato. Era

già estate, primo pomeriggio, spulciavi

la gardenia ma si capiva

che mi facevi vedere quanto

potevi farmi sospirare.

Pseudo-implicazioni

Se il Sole solarizza,

il Premio premia.

 

Se la Nebbia annebbia

il Dolore addolora.

 

Se la Noia annoia,

il Tempo temporeggia.

 

Se la Voce vocalizza,

la Moneta monetizza.

 

Se la Fretta affretta,

lo Spazio spazia.

 

Se il Vero avvera,

il Sogno sogna.

 

E se il Limite limita,

la Causa causa.

Mi dispiace

Mi dispiace, ho le mani vuote, solo

le mie mani nude. Sono qui, ef-

fettivamente, per occupare spazio –

e non sarebbe diverso, se fossi un’ombra.

 

Sostituisco le parole con la postura, col peso

della determinazione, ma sono

quel che sono al di là delle voci

della lista.

Niente parole né suggestioni

Niente parole né suggestioni

né fastidi né occasioni.

Chiamiamolo pure “spazio”,

senza stare troppo a pensarci, ma poi

chiediamoci anche: è descrivibile?