Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: ragione

Siccome ho questa rogna

Siccome ho questa rogna

di scrivere a tutti i costi

ma, per ragioni che adesso

non sto a dire, mi mancano

gli argomenti (il modo

più consueto e apprezzato,

si sa, di infilare parole

su una pagina), non vedo

al momento altra via

d’uscita, per soddisfare

l’urgenza lenitiva, che la vecchia

cara ricetta beckettiana

di ravanare sull’impasse,

magari scimmiottando

(why not?) la psedo-

oralità steiniana –

Annunci

Per ragioni che adesso non sto a dire

La notte ho ricominciato a sognare,

sicché mi addormento un po’ curioso

e un po’ timoroso – e allora

niente, sto qui seduto, forse

penso ma non mi pare.

Risolti parecchi problemi

Risolti parecchi problemi

mescolando tracce e simboli.

 

L’importante è sempre non pretendere

che il discorso proceda plausibilmente.

 

Per fortuna le combinazioni note –

Per fortuna le ragioni per sperare –

 

Basta l’accuratezza oppure

tocca di recitare il mea culpa per niente?

Poi

Poi, ci si immagina che succeda

qualcosa, dopo, cioè, l’insistenza

rabbiosa, la sicumera

(a posteriori) ridicola,

l’inerzia suicida.

 

E forse si avrà anche ragione,

da qualche lontano punto di vista

nello spazio e nel cuore.

Non c’è ragione di fuggire orchi

Non c’è ragione di fuggire orchi

o segnare la strada, è una limpida

 

dissipazione, una prova

di esistenza in vita.

 

No, è che mi torna in mente il sogno

in cui la piuma diventava il pugnale.

Me ne frego delle stagioni

Me ne frego delle stagioni

mi sembra un buon verso contemporaneo,

 

perché rimette le ragioni

dell’ecologia e s’intesta quelle

 

della poesia.

Il presepe

L’ombra è un forziere

di combinazioni,

si perde la ragione,

si allestisce il presepe

e poi, di nuovo a casa,

si stupisce.

C’è posta #32

Car* ***,

non è vero che il tempo ha fatto o farà giustizia, non è questa la sua funzione, ovvero la ragione della sua esistenza e della sua utilità. Il tempo, in verità, è per fare strage: è chiaro, è evidente, è distinto… – Spero solo che adesso tu non voglia identificare le due cose, è un’opzione disperata e ti costerebbe il ruolo penoso del nichilista riluttante.

Contratto

Dato che ciascuno dei due soggetti politici si è alleato con l’altro turandosi il naso, il termine “contratto” realizza il miracolo retorico di sbarazzare il campo dall’ideologia, limitando, asetticamente, le ragioni dell’alleanza a una lista della spesa.

CACCIARI HA RAGIONE