Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: qualcosa

Che dire, che fare

È buio,

lo sguardo tenta di bucarlo,

di incappare in qualcosa di scabro –

pensa ai riflessi di un Giacometti,

allestito in penombra come un Rothko:

non si capisce, finalmente.

Annunci

Bocconi #5

I reati statisticamente calano ma, politicamente, la paura è la carta buona. Delle due, l’una: o i “poteri forti” (hi-hi) ci nascondono qualcosa, oppure la statistica è poco friendly.

Bocconi

Potrò anche sembrare un mentitore sfacciato ma insisto: di me, m’importa poco. Non posso, infatti, per una questione di decoro mentale, ritenermi qualcosa d’altro o di più (?) di un qualsivoglia strumento suonato.

Basta avvicinarsi

Basta avvicinarsi, stringere su qualcosa,

divaricare gli indici, non resistere

al risucchio prospettico, alla vertigine

della sequenza – per chiudere, per-

fezionare i tracciati, specie di pulizia

goniometrica della festa, nouveau

o nouvelle, si fa esperienza, si suggono

massime, si sconta la conseguenza,

va bene anche chiudere

le porte alla Luna, dispiace solo

la sincronia sfiorata,

a tradimento, dall’ala della demenza.

Cortile Italia. 2018

Buon (?) ultimo o penultimo, anch’io dico che è successo qualcosa di importante.

La prima novità è, evidentemente, l’ascesa e l’alleanza del più giovane soggetto politico (M5S) e del più vecchio (Lega).

Il “contratto”, seconda novità, puntella la “diarchia”. Nel dettaglio, però, la novità si stempera per l’apporto (cruciale fin dagli anni Novanta del secolo scorso) dei tecnici (meglio arrendersi, impossibile, ormai, farne a meno).

Mai stato semplice

Mai stato semplice

sostenere che non c’è niente,

prima che ci sia qualcosa.

I tulipani neri sono soddisfatti

I tulipani neri sono soddisfatti;

più vicine allo sfinimento le viole,

più affranti i giacinti;

qualcosa si muove dappertutto,

è impossibile stare fermi –

è forse l’universo che chiede di ballare?

Messaggio pubblicitario

Qualcosa stona nel rapporto?

La funzione è mal rapportata!

Si può pensare a diaframmi traslucidi,

anche in sequenza, finalmente!

Graduando il pedaggio!

Qualcosa come

– qualcosa come

pseudo-ali (sospetto)

d’insetti amletici.

Vorrei scrivere come se non sapessi

Vorrei scrivere come se non sapessi

più scrivere, come

se non mi restasse

che cercare nelle tasche vuote, im-

possibilitato – questo il punto – a dire

qualcosa di compiuto.

(“Compiuto”? Sarebbe…?)