Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: punto

Il punto è questo

Il punto è questo: che certe

volte ti sembra,

sbagliando, di fare giusto.

Annunci

L’opera #2

Essenzialmente, ogni

opera (questo

è un punto importante)

è un tentativo

di ammutolimento.

Dal punto di vista della vita

Dal punto di vista della vita, dimenticare

è importante – meglio, essenziale.

Sicché, tocca di chiedersi che cosa costi

veramente (cioè, distribuito sul PIL)

vivere.

L’haiku che poteva essere

A un certo punto,

mi accorgerò pure (eccheccàzzo)

che ho bisogno dello scolapasta.

Ci tastiamo la tasca destra

Ci tastiamo la tasca destra, poi

quella sinistra – stessa

sensazione di impasse… a tal punto

convinti di ricordare, che adesso non si può

(né si vuole) capire…

quella specie di lama affilata

(oh sì!), che, di traverso, non va giù e ferisce…

(ti dico, un casino, pescando

fra impressioni, espressioni, performance…)

 

Così, al momento giusto, siamo

poltiglia esausta, adeguati, cioè, all’ardore

commovente degl’organi.

Il buio ha calpestato

Il buio ha calpestato

le mie debolezze. Non voglio

entrare nel dettaglio, basti

dire che, a un certo punto,

hanno fatto il loro trionfale

ingresso in scena anche

dei grossi e grassi vermi scatenati

in un ballo caraibico osceno.

Del “tu”

In spiaggia, chissà perché, guardi

a lungo l’orizzonte marino

essenzialmente con la stessa

aspettativa (lo shock) di quando guardi

la Tv (ma anche un quadro,

che ti credi? – metti

la Merlettaia di Vermeer).

 

Il genere è quello,

un genere lento. Poco importa.

Tu, intento, scruti il niente

col sottofondo di una risacca

dolce, sempre ben-

disposto al manifestarsi

di un punto, da qualche parte.

Scrivere per far soldi (incipit)

Non ho più tempo, diversi indizi me lo confermano. La coop di servizi bibliotecari per cui lavoro sta andando in malora per i debiti e perde, uno dopo l’altro, appalti storici. Ho sessant’anni e ho paura, perché, dei gigli di Gesù Cristo, a me, non frega un cazzo. Mi cago talmente addosso, insomma, che, a questo punto, l’unico rimedio che mi viene in mente è scrivere un romanzo di suc-cesso (pardon).