Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: niente

L’espressione

L’espressione include

elementi poco o niente

decifrati, ovvero oscuri,

come, per dire, è

prassi lunare.

Annunci

Mai stato semplice

Mai stato semplice

sostenere che non c’è niente,

prima che ci sia qualcosa.

È il momento della poesia

Ok, è il momento della poesia.

Me lo sento, non so come dire.

Cercando però di razionalizzare,

penso al 1) momento della poesia

e poi che 2) me lo sento. In ogni

caso, è fatta. Vediamo, dunque,

come basti niente.

C’è posta #22

Car*,

Sembra che ci siamo – per il governo, intendo… In questi giorni di fremente attesa, annoiandomi, ho pensato anche che Soldatino, non per niente, sembra un soldatino, ovvero, addirittura, un ologramma della Conteggio Associati – e poi ho pensato che pure Torello, non per niente, sembra un torello, ovvero, addirittura, una pura veemenza peristaltico-prostatica.

È chiaro (ma lasciamo stare Cartesio)

È chiaro, intanto sulla spiaggia

niente è stato spostato, tutto quel tempo

è passato senza un cenno, anche

obliquo.

Sono contro la rima

Sono contro la rima

e tutta quella robaccia affine –

la uso e sono contro – per me,

bisognerebbe proibirla per legge.

Legge Costituzionale:

Art. 1: Niente rime.

Capelli

Niente per cui strapparseli?

Cosa sarebbe

Cosa sarebbe – proviamo

a porci il problema? – un mondo

senza confini? I casi

sono due: o un paesello

improbabile (Marx

direbbe una “robinsonata”), oppure

un oltremondo entropico – cioè, niente

a che vedere con l’esperienza.

Leggo, leggo, leggo

Leggo, leggo, leggo

e ci capisco poco o niente – Continuo

a leggere e continuo

a capirci poco o niente –

Basta, mi rompo i coglioni

e decido che capirci

poco o niente m’impedisce

di continuare a leggere –

(Il libro che, sventuratamente,

ha ispirato questo pezzo

è Il tolemaico, di Benn – bellissimo!)

Si cerca

Si cerca, volendo,

di parlare di niente –

cose come le bollette, gl’incidenti,

le malattie, le morti…