Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: Ludwig Wittgenstein

Pulci

(Se le pulci sviluppassero un rito, riguarderebbe il cane).

 

Ludwig Wittgenstein, Note sul “Ramo d’oro” di Fraser, traduzione di Sabina de Waal, Adelphi, 1986, p. 35.

Ludwig Wittgenstein

Si vorrebbe dire: ha avuto luogo questo e quest’altro evento; ridine, se puoi.

 

Ludwig Wittgenstein, Note sul “Ramo d’oro” di Frazer, Adelphi, traduzione di Sabina de Waal, 1986, p. 21.

(“Questo e quest’altro evento” sono appunto le “concezioni magiche e religiose” esaminate da Fraser – che tentazione, però, generalizzare.)

Ludwig Wittgenstein: il bene e i fatti

Non si può condurre gli uomini al bene; si può condurli soltanto da qualche parte. Il bene è al di fuori dello spazio dei fatti.

1929

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, traduzione di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 21.

Descrivere la musica

Nei suoi Pensieri diversi, Wittgenstein

ritorna spesso sulla possibilità

di descrivere o spiegare

una musica – oltre che a parole –

con gesti, passi di danza, espressioni facciali.

Wittgenstein: proseguire e fermarsi

(Il filosofo è una figura molto tentata dalla battuta, dal motto di spirito. Uno dei massimi esponenti, a mia conoscenza – e io sono un ignorante –, di questa tentazione professionale è Wittgenstein. La seguente è una battuta soffiata, direi, a Woody Allen.)

 

Dove gli altri proseguono, là io mi fermo.

1948

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, edizione italiana a cura di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 126.

Ludwig Wittgenstein: filosofia e caos

In filosofia si deve scendere nell’antico caos e ivi sentirsi a proprio agio.

1948

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, edizione italiana a cura di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 124.

Ludwig Wittgenstein: poesia

Un effetto in una poesia è troppo acuminato quando le vette dell’intelletto si mostrano alla luce nude, non rivestite dal cuore.

1946

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, edizione italiana a cura di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 107.

Ludwig Wittgenstein: cose insensate

Non temere mai di dire cose insensate! Ma ascoltale bene, quando le dici.

1947

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, edizione italiana a cura di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 110.

Ludwig Wittgenstein: follia e carattere

Non è obbligatorio considerare la follia come una malattia. Perché non come un improvviso – più o meno improvviso – mutamento di carattere?

1946

 

Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, edizione italiana a cura di Michele Ranchetti, Adelphi, 1988, p. 106.