Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: cosa

Dice

A un amico ex professore di filosofia

 

Dice

che la filosofia indaga

le cose organizzate

e che non è per tutti – e Socrate

che a tutti rompe i coglioni

e a cui tutti rompono i coglioni?

E poi: Leopardi è solo un poeta?

Ma se sì, cos’è lo Zibaldone?

E Eschilo? È solo un tragediografo?

 

(Come posso, amore mio, seguitare

a dirti “mio”?)

Annunci

C’è posta. Lettere della persuasione #38

Mi chiedi un sacco di cose sulle mie intenzioni ma non quella che più t’importa: se e quando ritornerò. Ti rispondo lo stesso: come non sono partito, così, sorry, non posso ritornare.

Mini romanzo in versi. L’opera #185

Sono un folle in fieri e finché l’opera non è completata posso ancora

tentare di descrivermi con qualche speranza di farmi capire

dai ragionevoli – poi, be’, poi,

 

credo parlerò agli angeli ma non so adesso se la cosa

avrà attinenza col “farsi capire” nostro di attuali ragionevoli

o se invece non sarà magari una danza.

Un certo libro

Certe volte mi aspetto molto da un certo libro – non che mi risolva la vita, questo no, ma che mi chiarisca una certa idea, un certo pensiero, una certa cosa, sì.

Uso sia

Uso sia

cose nuovissime

(smartphone)

che vecchissime

(linguaggio).

C’è posta. Lettere russe #36

Incontrerai un certo Forlì Fiordèo (italiano poliglotta, ti allego i suoi dati), gli darai copia della cosa, il giorno dopo vi rivedrete e registrerai e mi trasmetterai la sua proposta. La paura mi mangia l’anima.

Pavlovianamente

Il collezionista di conti che non tornano – dichiara, pavlovianamente, se gli si chiede cosa fa di bello.

Scelta

Scelta è un sostantivo femminile dall’ottima reputazione.

Così, usa parlare di scelte a proposito di reazioni, ovvero di risposte a cose come catastrofi, ferite, interruzioni di servizio.

Il dubbio è questo: reagire è davvero una scelta? Ovvero: la scelta, in extremis, non è forse proprio il rifiuto dello spettro delle opzioni?

Cose

Si dicono cose

che dicono, a seguire,

chi le dice

mentre le dice.

Dice

“Evidentemente”,

dice, “sono cose per cui

ci mancano ancora

le parole” – Mentre penso

sconcertato, Ha finito!,

riprende: “Ci giriamo

intorno ma non importa,

alla fine, non c’è altro

modo, ogni centro

è indivisibile.”