Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Tag: cielo

Sono libero

(Infrazione, spero unica, del letargo – d’altronde, si fa il cazzo che si vuole.)

 

Sono libero, mettiamo.

Vuol dire forse che cielo e terra

mi accoglieranno a braccia aperte?

Ma sì, proprio come

davanti alla televisione

o al monitor del pc

o al display dello smartfóne.

Annunci

Il pieno e il vuoto

Si può fare un percorso anche

lungo e contorto, per arrivare infine

all’evidenza o, meglio ancora,

al luogo comune –

La performance esprime solo questo:

 

O tu, che dici “tavolo”, guarda

che allegro verminaio!

 

Di norma, il gioco offre

una piana di macerie e resti

animal-vegetali; la cappa

nebbiosa sovrastante

(spesso presa per un cielo)

è una bassa pressione simbolica

stabile; in ogni modo, ecco

il punto: è tutto lì,

il pieno e il vuoto.

Basta cielo

Basta cielo, basta sole, basta nuvole, basta alberi, basta terra, basta acqua, basta vento.

Si può immaginare in forma drammaturgica, come una scena in cui

un personaggio, con le mani avanti e i palmi rivolti all’insù, dice:

 

Ecco, questo è qualcosa.

 

(Il personaggio chiede forse di leggere il mondo nell’ombra portata?)

Workshop

Sotto un cielo azzurro e senza nuvole, il mare è basso e torbido e ha un colore verde spento, a causa del fondo fangoso. Si salta dalla barca e il pelo dell’acqua arriva a mezza coscia. I piedi nudi impattano una morchia di 2-3 centimetri di spessore – spalmata su uno strato inferiore più sodo – infarcita di conchiglie.

Poesia un po’ (solo un po’) per bambini

Le stelle sono tutte

al loro posto, nessuno

le ha toccate, mentre

dormivi – che fortuna,

vuol dire che il cielo

è sempre quello, mica

un altro, magari dall’oggi

al domani.

 

Tu! #2

Tu non capisci.

Le cose ti passano davanti, forse ti fanno un cenno, ma tu non le vedi.

Il cielo ti cala la manna ma è come dare perle ai porci – non hai il fegato, hai la digestione difficile, non mastichi pietre.

No, perfino un messia appariscente ti sfuggirebbe.

Lascia stare, davvero, torna ai tuoi prati, là, sull’Olimpo, a brucare, e fa conto che non ci siamo mai conosciuti – e che ce n’è ragione.

Se niente ha senso o tutto ha senso

Se niente ha senso o tutto ha senso,

tutto ha senso o niente ha senso, etc.

Trovare o non trovare senso induce

facilmente un sentimento di colpa

nel soggetto individuale o collettivo

che lo cerca e non lo trova o che lo trova

e non lo cerca. Come il sole sorgente

invade il cielo, così, l’effetto

collaterale occupa presto tutta la scena.

Cercare o non cercare, adesso, è secondario,

il friggimento assorda. Il finito

è una curvatura di stretto raggio

della spina, che sembra un tuffo

a ritroso, dentro il trascorso, il fiato

addosso a un mitico capo in fuga.

Il mio cielo

Il mio cielo

sta tutto dentro il volo

di un moscerino.

Alchimia

La musica, la luce

alogena e l’oro,

sparso sui rilievi

formali, e il piombo

del cielo là fuori.

Via da me

Via da me, dal mio cerchio

di preferenze, dal mio cielo

di abitudini, dal mio orto

di nutrimenti!

Via da me, per carità!