Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Il mondo è sublime per molti aspetti:

la bellezza dell’asino, l’opera commovente, il piacere stretto-stretto, l’epifania, etc.

Il mondo è orrendo per molti aspetti:

i morti per acqua, i commenti sul web, la miseria economica, lo schiavismo culturale, gli zombie, etc.

Asemic’n’boring

_20170810_202929

Grisou

_20170809_203205

Maschio grigio (un gatto di fumo) di tre mesi, figlio di Mezzètto e Papà, tigrato nero-nocciola dominante i dintorni.

Prendi un tubetto spremuto e poi

Prendi un tubetto spremuto e poi

lascia stare la neve compressa

al passaggio delle lamine,

fra gli “evviva!”, i ” forza!”, i “dai!”.

No, lo Starnberger See

non c’entra, è stato

una volta che ero vivo.

Letture aperte (che non è detto chiuda): 7

1) Franco Moretti, Il borghese, Einaudi, 2017;

2) Allan Gurganus, Anche le sante hanno una madre, Playground, 2015;

3) Maurizio Ferraris, Documentalità, Laterza, 2009;

4) Emanuele Severino, Gli abitatori del tempo, Armando, 1978;

5) Michele Mari, Leggenda privata, Einaudi, 2017;

6) Laura Pugno, Sirene, Einaudi, 2007;

7) Kent Haruf, Benedizione, NNE, 2015.

Devo smetterla

Devo smetterla

di scrivere a mano,

con la biro,

sulla carta –

è un vizio.

E adesso

E adesso

che faccio? – mi chiedo, guardandomi

intorno come appena svegliato.

 

Adesso – mi chiedo,

sempre più sbigottito –

che manca l’argomento?!

 

Ma no – penso –, non mi sfiora

l’idea di tenere la bocca chiusa,

piuttosto mi volatilizzo.

Qualcosa d’importante

Adesso, attenzione (detto al lettore ma anche a me stesso, l’autore, per tenermi sulla corda), scrivo qualcosa d’importante, perciò prego vivamente di non sopravvalutare questo annuncio, non perché potrebbe annunciare il falso, ma perché è difficile capire esattamente dove l’annuncio finisce e l’annunciato comincia – l’importante, insomma, potrebbe essere già qui.