Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Categoria: Senza verso

Pericolo

Peccato, se anche il Barone di Münchhausen non avesse sentito la necessità politica di salvarsi dalle sabbie mobili prendendosi semplicemente per i capelli, be’, neanche lui avrebbe formalmente corso il pericolo di annegare, no?

Annunci

Bocconi #8

Scrivo tenendo per bussola l’esperienza del lettore che sono, ma, chissà perché, ho questa inclinazione a frustrarne gli automatismi.

Bocconi #7

Anche lo smartphone, adesso, mi assomiglia, con quel pezzo di scotch in alto a sinistra, a trattenere i frammenti del display calpestato (inavvertitamente, occorre dirlo?) dal mio tacco. Qualcuno ricorderà la tirata di Nanni Moretti, nella Stanza del figlio, contro le tazze sbeccate e, in generale, le cose non più intatte.

 

Bocconi #6

Anche quando, come adesso, sembra che io scriva in prosa, in realtà sto sempre (o almeno mi credo di stare sempre) addosso alla Maledetta.

Bocconi #4

Sempre più raramente mi viene l’uzzolo di una bella poesia seria, con le sue nuvole, i suoi gabbiani, i suoi amori, i suoi bambini, le sue rime, le sue licenze, i suoi a-capo, misurando o cercando di misurare le sillabe, scegliendo il genere e, soprattutto, volendo dire, oltre che cantare.

Bocconi #3

La sincerità ha un senso, un valore, quando deflora. Sono parecchie le cose mie che mi mancano, ne dico una: il  mio Mar Rosso.

Bocconi #2

Uno scrittore che conosco ha affermato, una volta, che, sul linguaggio, si può dire tutto – lì per lì, sembrava un motto di spirito.

Bocconi

Potrò anche sembrare un mentitore sfacciato ma insisto: di me, m’importa poco. Non posso, infatti, per una questione di decoro mentale, ritenermi qualcosa d’altro o di più (?) di un qualsivoglia strumento suonato.

Bellezza

Forse ho una buona definizione di bellezza, questa: bellezza è vecchiezza. Capisco che uno pensi subito: Ma no, bella è la giovinezza! (don’t you remember the beauty of donkey?).

Nel caso, all’incauto, chiederei solo di valutare attentamente l’età della sua idea di giovinezza.

Recensione (frammento)

…buon profumo di catastrofe, si sente bene l’asprigno dell’ingiuria, al metabolismo, risaltano: azzurro, cuore, urina, …