Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Categoria: Poesia

Niente appuntamento

Niente appuntamento, è stato un gesto

sconsiderato, un puntello

su checchessia porgesse il fianco.

È stato un bene non aver preparato

il discorso (ma nemmeno

un canovaccio, neppure

tre o quattro parole-chiave) – un bene

perché, al momento giusto, da quelle

parti, nessuno passa.

Annunci

Le ultime parole scritte

Le ultime parole scritte

sono censurate. Quello

che precede di poco batte

le ali, in procinto di schiantarsi

su un bernoccolo affiorante.

Meglio metterli in bella vista

Meglio metterli in bella vista,

i peccati –

Perché?

Pari pari, per attenzionarli.

Un corteo silenzioso

Un corteo silenzioso, come

a un funerale, dove tutti stanno

zitti solo per rispettare il morto

che, pare, non può più parlare.

All’orizzonte, branchi

All’orizzonte, branchi

di ogni tipo (gazzelle,

antilopi, renne, pecore,

vacche, muli, bisonti,

tori, bufali, etc.) si susseguono.

Il fuoco che ci conforta

Il fuoco che ci conforta (se

ci conforta) non arde

fra quattro pietre

ma in un cuore condiviso.

Vedremo

Vedremo, volta per volta, di-

menticandoci, meglio

che si può, del passato,

soprattutto

di quello prossimo.

Tornare

Mi piace, pardon, giusto ogni

morte di papa, tornare

a questi panorami arrossati 

che bellezza sentire

la sabbia colmare

le depressioni fra le dita

e che sogno il colpo

d’ala alle spalle

ma anche alla faccia

di chi maledice.

Little (fake?) new

La realtà tende

agguati micidiali

riconvertibili.

Non ho più voglia di garrucchiare

Non ho più voglia di garrucchiare,

il rapporto investimento/risultati,

per diverse ragioni, ha perso

quasi tutto il suo appeal.

 

La renitenza è complicata

dall’inerzia – uno, per esempio, non può

demolire, senza, parallelamente,

demolirsi.