Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Categoria: Play

Maiale. Atto unico in 20 secondi

(Atteso e poi accompagnato, nel buio, da uno spot blu, sbuca dalla quinta destra un attore nudo, che, correndo quasi sul posto e alzando molto i ginocchi, e attraversando tutto il palcoscenico e uscendo dalla quinta sinistra, declama la sua battuta.)

 

Sono un maiale…

non c’è niente…

Da buttare. (Esce.)

Annunci

Presidente?

(Vicino alle fonti del Nilo, all’ombra di una papaia.)

 

X: Presidente?

P: Sì… ma con le palle.

L’informazione

A (col tono di voce che si usa normalmente per chiedere un’informazione a un estraneo): Scusi, via Zot?

B (gridando a squarciagola e indicando con la mano): Prenda la seconda a sinistra!!! Poi, alla prima rotonda, la terza uscita!!! Dopo duecento metri, svolti a destra e sarà arrivato!!!

Atto unico, in una breve battuta e una bellissima canzone

(Buio. Illuminazione zenitale di un attore nudo al centro del palcoscenico, a 6-7 metri dal proscenio.)

Personaggio: Non so davvero cosa dire, sono giorni in cui mi sembra quasi di rimpiangere il mio dolore, è una specie di dubbiosa benaccia, credo…

(Buio. Musica: My House, di Lou Reed.)

Sono un fesso (monologhetto)

Signore e Signori, attenzione:

 

Sono un fesso.

 

Mettiamo subito in chiaro, però, che non so perché – Così, penso a un suono fesso, che è una sottrazione, in sostanza, di suono (in un range mesoscopico che potrebbe andare, diciamo, dalle fusa di un gatto al decollo di un boeing) – Oppure penso… Beh, non trovo applicazioni ulteriori – oltre, cioè, la psicologia e l’udito – Ecco come, impreveduto, si apre lo squarcio.

Tu! #2

Tu non capisci.

Le cose ti passano davanti, forse ti fanno un cenno, ma tu non le vedi.

Il cielo ti cala la manna ma è come dare perle ai porci – non hai il fegato, hai la digestione difficile, non mastichi pietre.

No, perfino un messia appariscente ti sfuggirebbe.

Lascia stare, davvero, torna ai tuoi prati, là, sull’Olimpo, a brucare, e fa conto che non ci siamo mai conosciuti – e che ce n’è ragione.

Tu!

(Consiglio chi leggerà il pezzo di non offendersi, le sue parole non s’intendono rivolte a qualcuno ma ricalcano, semplicemente, i modi dell’invettiva, un genere come un altro.)

 

Tu!…

Sì, tu che leggi…

Che bestia sei!

Sta’ tranquillo, nessun complimento.

Eppure, per la mangiatoia, ti passa (quasi) di tutto, ormai, la chance c’è l’avresti.

Mettiti il cuore in pace, povero pirla, e credimi: sei un insulto… Come a che? Alla Lettura!

Vita (2 battute)

Urlo: È vita questa? Rispondi!

 

Domandi, senza sottolineare il punto interrogativo, sussurrando: Intendi sempre quella cosa che comincia e finisce?

Due battute

Mi piacciono le cose semplici, che so, un tramonto.

 

Cazzata, è valuta corrente (“Mi piace la valuta corrente”, dovresti dire) e dunque cosa culturalmente complicatissima perché sedimentatissima. Fra l’altro, le cose semplici non esistono.

Io e Me

E Io tenta Me.

 

Io: Pierluigi!

 

Me: Cosa gridi?… Sono

momentaneamente assente.

 

Io: Ma no!…

Ma come?!