Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Categoria: Mini romanzo

Mini romanzo. Il soffitto #179

Il crollo del soffitto e la caduta di intonaco, travi e mattoni sul tavolo non impressionò gli ospiti, e Malcolm, per confortarli nella loro reazione, si alzò col bicchiere in mano e disse che lui e i suoi compagni c’erano abituati, e anzi si allenavano con piastrelle e ferri.

Annunci

Mini romanzo. Stufo marcio #178

Sono stufo, insomma, di raccontare sempre come è finita, stufo marcio! Mi dispiace, ora basta, l’ultimo testimone dell’evento, cioè io, si rifiuta di testimoniare ancora – eddài! tutto è contenuto nelle 300 e passa ore della video-intervista commissionata dalla Public Library di New York e nei 7 volumi da quella tratti e pubblicati da Ferlinghetti e oggi esposti al MOMA!

Mini romanzo. Solo per dire che #177

Malgrado la pretesa nonchalance nell’uso delle fonti…

Mini romanzo in versi. L’addio come arte #176

(Incipit del prologo.)

 

Lasciamo perdere, diciamoci

“Addio” qui, su questo ponte,

che pure, come ponte, unisce –

non so, per la verità, che cosa,

esattamente, sia un addio,

ricordo solo degli esempi

a buon mercato, qualche

prassi usuale e, confusa-

mente, dei fotogrammi.

Mini romanzo. Blogrrr #175

(Dal capitolo 2.)

 

901.

 

ATTENZIONE: questo è solo un annuncio

 

Sto lavorando a un post sulla stilistica della narrazione politica italiana di questi giorni. Per chi volesse soccorrere l’impresa, le mie immediate impellenze sono, in ordine di importanza, tre:

1) un ventilatore a pale sul soffitto,

2) un biliardo,

3) una bottiglia di Krug recapitata a domicilio alle 18.30, nel suo bravo secchiello ghiacciato, tappata, per tre settimane almeno.

Mini romanzo. Io per primo #174

Una guarnigione sottostimata, almeno sul lato sud del forte… Eppure lo sapevamo, dovevamo saperlo, il gallo di Charity aveva cantato alle 5.48 (fuso di Pegognaga), non alle 5.49, ma io per primo… sì, io per primo… avevo… fatto spallucce…

Mini romanzo. Canone Kant #173

(Incipit.)

 

Divertentissimo il paper di tale Peter Tepèr, ricercatore all’Università di Berkempe, sull’epocale rinvenimento di una quarta e conclusiva critica kantiana, la Critica della congiunzione.

Mini romanzo. Il guru del Gallery # 172

Sentivo dialogare quei vecchi e covavo la voglia di intervenire. Poi lo feci (pardon). Fu così – è un anno oggi – che ebbi fama di guru del “Gallery”. Dal martedì al venerdì, estate e inverno, dopo le 18.30 (cioè dopo la mia prima media in santa pace), sto a disposizione.

Mini romanzo. Diario di un giovane vecchio. Volume 3 #171

Il mio tempo è oro – questo credo e questa credenza, se da un lato postilla la mia fresca consapevolezza, dall’altro, dimostra la mia pazzia. Sono pazzo anche se so di esserlo, perché non riesco a non fare ossessivamente i miei calcoli, a non riflettere con troppo anticipo sui piani B e C, a non morire di paura per le cose che mi cadono dal cielo.

Mini romanzo. Diario di un giovane vecchio. Volume 2 #170

Questa consapevolezza, il lettore l’ha capito, è di essere vecchio – cioè, se prima la vecchiezza era solo un’immaginazione, adesso è un tagliando.