Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Categoria: Commento

S.

“Nato pronto” – certo, a cagarsi addosso.

Annunci

L’elettorato potenziale di S.

L’elettorato potenziale di S. è fatto dunque anche di chi, come lui, mangia schifezze – salvo (furbone) accompagnarle con un Barolo (povero vino!).

La smorfia

Me la vedo, la smorfia di Marx (Karl), lassù, che osserva sereno i sovranisti, quaggiù, babàre di “popolo” – “Asini”, si capisce che pensa.

Bisogna verificare

Bisogna verificare – la mia ipotesi, allo stato, è che il Ministro Di Maio abbia dichiarato la possibilità di un boom economico italiano a portata dopo la pubblicazione degli ultimi dati dell’ISTAT.

Come mi piace (pardon) Saviano

Il mio gradimento è composto da un 40% di stima per l’opera (Gomorra è un libro importante) e un 60% di infatuazione per l’intellettuale redivivo – dopo, cioè, e sono più di quarant’anni, Pasolini.

Da uno e l’altro canto

Che tanti paesi che hanno alle spalle un recente e lungo passato di sudditanza politico-economica, adesso, pongano una questione di sovranità, mi sembra, da un canto, normale. D’altro canto, o la battaglia sovranista è di retroguardia, o è la solita, fantastica dialettica storica che macina grumi.

Fenomenologia di Matteo Salvini. Appunti #2

Il suo grande valore mediatico consiste nella combinazione di quattro predicati: bullo, simpatico, bravo, buono (notare l’assenza del predicato “intelligente”). Il secondo, forse, ha un impatto minore del primo ma ha un’importanza ecumenica cruciale (aiutato in questo da una facciona tonda da torello).

Salvini&Tosi

Non posso provare quanto dico ma io, negli anni Novanta, quando c’era ancora (politicamente) Bossi, ho pensato che i suoi eredi migliori fossero Tosi e Salvini – il secondo, però, meno del primo.

Unione

Fatta l’ipotesi che alle Elezioni Europee dell’anno prossimo vincano i sovranisti, tocca di immaginarsi che Unione.

Il Signor Ministro dell’Interno in carica (a oggi, 4 dicembre 2018)…

…non sa che un organo di governo, anche democratico, tipo appunto il Ministro di una Repubblica, è deontologicamente diffidato dallo spifferare subito tutto quello che viene a sapere nell’esercizio delle sue funzioni.