Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Mese: giugno, 2017

Il silenzio che ci ha preceduti

Il silenzio che ci ha preceduti

(che ha precedute

le parole di tutti) è naturante

in misura indescrivibile. Il problema

contabile sono le responsabilità

e le collaborazioni. La selva, oggi,

più che oscura, è satùra

di eccedenze mute.

Si potrebbe anche giudicare, ri-

distribuite le parti, “debole”.

Chi mi assicura

Chi mi assicura

che la strada mi aspetti?

Che non frani, per esempio.

La soluzione mi fa orrore,

preferisco di gran lunga

il brodo primordiale ancora

digiuno di chimìca.

Il sogno

C’è chi parte dal dato di fatto

e chi, invece, da un paradigma.

 

Un innocuo bivio:

o di qua o di là.

 

Si sarebbe potuto camminare per tutta

la notte, incespicando.

 

Il ricordo o il presentimento

di animali notturni a frotte assorda.

Sul tavolino

Sul tavolino, a contatto

dello smartphone, un pacchetto

di tabacco Pueblo; a contatto

del tabacco, un ac-

cendino BIC nero; infine, a qualche

cm dal gruppo (smartphone-tabacco-ac-

cendino), una birra media a metà.

 

In accordo

Il significato, in accordo con la sua valenza

funzionale (participio passato di “significare”)

è agonizzante. Sopravvive (da biscia, aperto per contratto

allo strappo e al tócco) il significante.

Lasciamo perdere, sia detto subito, la digestione.

Questa è una poesia

Questa è una poesia

che punta tutto

sul non.

 

La “scrittura di ricerca”

punta invece sullo shock, cioè

prende dal cinema.

La cura di sè

Con quali implicazioni

legare la cura

di sè alla sopravvivenza?

Se io sono con te

Se io sono con te, voglio

essere con te, non con me –

con me ci sto anche

troppo, quando non

sono con te.

 

Se io sono con te, è te

che voglio, il tuo

accadere, non

me e le mie

performance.

 

Se io sono con te, non

voglio, cioè, curare la mia

efficienza, la mia

efficacia, la mia

potenza.

 

Se io sono con te, sono

quel che sono e, all’ordine

del giorno, c’è

la domanda (e l’offerta)

tua, non mia.

Che altro aggiungere a questa furia

Che altro aggiungere a questa furia

di stimoli non selezionati?

Ma c’è posto, poi,

per accidenti alieni e in generale

per pleonasmi e frattaglie?

Una o due margherite

Una o due margherite

ti spuntano dalla bocca –

ma certo che sei tu, mai avuto

dubbi, anche lo stormo

zenitale non contribuisce

a sedare i perché.