Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Mese: dicembre, 2016

Un filosofo della storia ottimista

Un filosofo della storia ottimista

potrebbe sempre obiettare, per guadagnare

tempo, che non si agisce per soccombere.

Annunci

Autoritratto

Pentola di minestrone,

coccio di caos, cornucopia

di cianfrusaglie, sbavature, scarti,

polvere… Ecco, l’unico

criterio mi sembra sia

che niente serva

a ciò cui usa servire.

Non sono qua che aspetto un passaggio

Non sono qua che aspetto un passaggio,

piuttosto, direi

che mi muovo fra macerie care.

 

Chiamalo pure “vizio dell’indugio”,

cosa che tocca

sempre al piede in due scarpe.

 

Leggerezza e sottovalutazione

dei sintomi

stimolano renitenza e diserzione.

 

Volentieri si annega nell’inconcludenza

wagneriana,

ogni dettaglio incarcerato e corazzato.

Mini romanzo. Hero #128

Quest’uomo, dunque, su cui si abbatte la furia degli elementi e delle leggi, rifulge (o sì, rifulge), oltre che per la ferrea volontà di non lamentarsi mai del materiale a disposizione, per la determinazione di considerare i colpi accusati alla stregua di semplici pettegolezzi.

Se pensi che sia successo qualcosa

Se pensi che sia successo qualcosa,

ma non una volta sola, se lo pensi –

ecco il guaio – tutte

le volte, ogni

volta, no-

iosamente –

 

Si danno, al dunque, orientamenti

metaforici; fra i deluxe:

il richiamo, l’epifania, la sveglia,

la sconfitta, la disattenzione;

fra i cheap: il tramonto, il gabbiano,

la rosa, la strada, la mela.

Vita (2 battute)

Urlo: È vita questa? Rispondi!

 

Domandi, senza sottolineare il punto interrogativo, sussurrando: Intendi sempre quella cosa che comincia e finisce?

Le tragedie in corso

Le tragedie in corso

dell’abitante ostile e incompatibile

con l’abitato, ingenuità, they say,

giovanili, come non anche

l’orrore routinario, se il punto

è l’adattamento.

29. Design

img_20161227_123753

Ohibò. Flesh #

img_20161223_195343

Mauro Bonazzi

A che serve un “sapere” che paralizza, moltiplica dubbi e incertezze, cerca la complessità senza proporre soluzioni o indicare un cammino?

 

Mauro Bonazzi, Weber sulla nave di Platone, in La lettura #265, 24 dicembre 2016, pp. 8-9.