Pierluigi Rossi

Il peso? Dipende

Avviso ai naviganti

Questo blog, naturalmente, usa dei cookie. Per saperne di più vedi la Privacy Policy di Automattic.

Annunci

Io sono quel che sono

Se ieri lo diceva Iago

e l’altro ieri

lo disse Dio, oggi,

lo può dire chiunque.

 

Il buio soffoca grida e gemiti

Il buio soffoca grida e gemiti.

L’operazione dura poco.

Ti ho visto bilicare

Ti ho visto bilicare

per una sbadataggine,

ti ho preso al volo

quando era chiaro

che avresti perso il controllo –

come un genitore

perde un figlio

o un casigliano le chiavi.

Questa è una poesia

Questa è una poesia

bellissima, con dentro

tutto, dall’amore

alla pippa e dalla vita

alla morte. Questa

è proprio una poesia

grassa di sugna.

Giovani anziani

Così come esiste la fascia dei “giovani adulti”, credo debba esistere, ormai, anche quella dei “giovani anziani” (io, per dire, ci sarei dentro).

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

…si è risentito  del mancato rogo in compagnia dei suoi vice.

Gli studenti

Gli studenti, oggi, hanno bruciato in effige Salvini e Di Maio – anche loro, cioè, hanno sorvolato sul Presidente del Consiglio.

Buio

Il buio ha i suoi bravi

punti d’appoggio. Il buio

non aleggia. C’è chi parla

di spettro. Il buio

occorre in condizioni

determinate. Il buio

significa molto

al di là dell’intenzione.

Cittadino e individuo

Forse bisogna rendersi conto che l’elettore non è più un cittadino ma un individuo. Sarebbe grave. Bisognerebbe infatti studiare un’ardua via per riportarlo alla cittadinanza…

Sul tema dell’individuo che rompe il cazzo

Vorrei scrivere questa poesia

sul tema dell’individuo

che rompe il cazzo

ma non ce la faccio,

mi sembra troppo

di fare quel gioco

adolescenziale

di non respirare.